Direttiva europea sull'indicazione dei prezzi

Quando annunci una riduzione del prezzo dei prodotti che vendi tramite Shopify, devi rispettare le leggi e le normative applicabili al tuo negozio. Queste leggi e normative dipendono dall'area geografica in cui si trova il negozio e da quella in cui vendi. Consulta questa pagina per avere maggiori informazioni su alcune delle leggi che potrebbero essere applicabili al tuo negozio se vendi a clienti all'interno dello Spazio economico europeo (SEE).

Puoi far crescere il tuo negozio e raggiungere nuovi clienti vendendo i tuoi prodotti in diverse giurisdizioni. Per garantire un uso ininterrotto del tuo negozio Shopify, assicurati di seguire le leggi in ogni giurisdizione in cui gestisci il tuo negozio.

Panoramica della direttiva sull'indicazione dei prezzi

Se vendi a clienti nel SEE e annunci una riduzione del prezzo, devi mostrare il prezzo più basso applicato al prodotto nel periodo che comprende almeno gli ultimi 30 giorni. Il prezzo più basso include ogni prezzo ridotto annunciato come promozione durante il periodo di almeno 30 giorni.

La direttiva sull'indicazione dei prezzi ti impedisce di:

  • pubblicizzare riduzioni di prezzo false;
  • gonfiare artificialmente il prezzo di riferimento prima di offrire uno sconto;
  • fuorviare i clienti sull'importo di uno sconto.

La direttiva sull'indicazione dei prezzi si applica a ogni dichiarazione promozionale di riduzione del prezzo di un prodotto. Di seguito sono riportati alcuni esempi di annunci sulla riduzione del prezzo:

  • Una percentuale, ad esempio il 20% di sconto
  • Un importo specifico, ad esempio 20 EUR di sconto
  • Un nuovo prezzo più basso, visualizzato insieme al prezzo più alto precedente. Ad esempio, "ora disponibile a 50 EUR, prima a 100 EUR"
  • Un prezzo di partenza più basso, visualizzato insieme a un nuovo prezzo più alto applicato in futuro. Ad esempio, "ora disponibile a 50 EUR, in seguito a 100 EUR"
  • Qualsiasi tecnica promozionale che crei l'impressione di una riduzione del prezzo. Ad esempio, la pubblicità di un'offerta lampo, un prezzo scontato, un'offerta speciale, un'offerta per il Black Friday, uno speciale per il Cyber Monday o un'offerta "acquista oggi senza pagare l'imposta sul valore aggiunto (IVA)"

Se annunci una riduzione generale dei prezzi per tutto il negozio, ad esempio "20% di sconto su tutto", in corrispondenza del punto vendita di ciascun prodotto devi mostrare il prezzo più basso applicato al prodotto nel periodo che comprende almeno gli ultimi 30 giorni. Il punto vendita può essere il cartellino del prezzo del prodotto nel negozio fisico o la pagina del prodotto sul negozio online.

Riduzioni di prezzo non promozionali

Se effettui una riduzione di prezzo che non prevede un annuncio, la direttiva sull'indicazione dei prezzi non viene applicata. Di seguito sono riportati alcuni esempi di riduzioni di prezzo che non prevedono l'applicazione della direttiva:

  • Fluttuazioni o diminuzioni di prezzo che non riguardano una dichiarazione promozionale sulla riduzione del prezzo. Ad esempio, una modifica del prezzo dovuta ai costi.
  • Riduzioni di prezzo personalizzate. Ad esempio, sconti tramite un programma fedeltà o un codice sconto personale.
  • Confronti con altri prezzi. Ad esempio, il prezzo di vendita al dettaglio suggerito dal produttore o il prezzo di un concorrente.
  • Messaggi di marketing generali relativi a confronti di prezzo o vantaggi che non creano l'impressione di una riduzione del prezzo. Ad esempio, "il prezzo migliore" o "il prezzo più basso".
  • Offerte con condizioni che prevedono combinazioni o abbinamenti. Ad esempio, "paghi uno e ricevi due gratis" o "30% di sconto se acquisti tre prodotti".
  • Annunci sul cashback da parte di produttori o distributori di terze parti che non vendono prodotti, ma promettono ai clienti il rimborso di parte del prezzo pagato.

Ti consigliamo di verificare le disposizioni nazionali che implementano la direttiva sull'indicazione dei prezzi in ogni paese del SEE in cui svolgi la tua attività. Le disposizioni nazionali possono fornire regole o eccezioni diverse riguardanti i prodotti o le riduzioni di prezzo, ad esempio:

  • Prodotti che tendono a deteriorarsi o a scadere rapidamente
  • Prodotti che sono stati sul mercato per meno di 30 giorni
  • Riduzioni di prezzo che vengono aumentate senza interruzioni nell'ambito della stessa campagna di vendita. Ad esempio, nell'ambito di una campagna natalizia, inizi offrendo il 10% di sconto a inizio dicembre, aumenti lo sconto al 20% a metà dicembre e infine lo aumenti ancora al 30% subito prima di Natale, come parte della stessa campagna

La legislazione nazionale può anche richiedere di considerare un periodo maggiore di 30 giorni per stabilire il prezzo più basso applicato in precedenza. Per maggiori informazioni consulta la Banca dati sul diritto dei consumatori.

Uso della funzionalità Prezzo di confronto

Quando vendi un prodotto a un prezzo inferiore, puoi utilizzare la funzionalità Prezzo di confronto in modo da essere conforme alla direttiva sull'indicazione dei prezzi. Puoi mostrare ai tuoi clienti il confronto tra il nuovo prezzo ridotto e il prezzo più basso del prodotto nel periodo che comprende almeno gli ultimi 30 giorni.

  1. Dal tuo pannello di controllo Shopify, vai a Prodotti.
  2. Clicca sul nome di un prodotto.
  3. Nella sezione Prezzi imposta il valore Prezzo di confronto sul prezzo più basso applicato al prodotto nel periodo che comprende almeno gli ultimi 30 giorni.
  4. Imposta il Prezzo del prodotto sul tuo nuovo prezzo scontato.
  5. Clicca su Salva.

Uso dei metafield per mostrare i confronti di prezzo

Puoi aggiungere metafield a parti del tuo negozio online per mostrare il prezzo più basso applicato al prodotto nel periodo che comprende almeno gli ultimi 30 giorni precedenti all'annuncio della riduzione del prezzo. In alternativa, puoi utilizzare i metafield per comunicare altre informazioni sui prezzi oltre al prezzo più basso precedente, come il prezzo di base o quello di vendita al dettaglio suggerito dal produttore. Scopri di più sulla creazione di definizioni di metafield personalizzate.

Comunicazione di riduzioni di prezzo frequenti

Prima di annunciare una riduzione del prezzo, devi mostrare il prezzo più basso applicato al prodotto nel periodo che comprende almeno gli ultimi 30 giorni. Questo prezzo include il prezzo più basso offerto come parte di eventuali sconti o promozioni precedenti.

Se offri riduzioni di prezzo più di una volta ogni 30 giorni, valuta il modo in cui desideri comunicare il prezzo più basso precedente e il prezzo di vendita normale. Ad esempio, potresti decidere di utilizzare il prezzo scontato più basso come prezzo al quale viene applicato lo sconto, come illustrato nell'esempio seguente:

  • Un prodotto è in vendita al prezzo di 150 EUR, ma negli ultimi 30 giorni il prezzo più basso del prodotto è stato di 100 EUR.
  • Decidi di offrire il prodotto con il 50% di sconto sul prezzo più basso applicatogli negli ultimi 30 giorni, che è stato di 100 EUR.

In questo esempio, per seguire la direttiva sull'indicazione dei prezzi, devi applicare lo sconto al prezzo più basso del prodotto, pari a 100 EUR. Non puoi applicare lo sconto del 50% al prezzo di vendita normale di 150 EUR senza specificare che il prezzo più basso è stato pari a 100 EUR.

In alternativa, potresti decidere di mostrare sia il prezzo di vendita normale sia il prezzo più basso precedente, spiegando chiaramente che lo sconto viene applicato al prezzo di vendita normale. Ad esempio, se annunci il 50% di sconto sul prezzo di vendita normale di 150 EUR e il prezzo più basso applicato durante una promozione negli ultimi 30 giorni è stato di 100 EUR, puoi aggiungere questa informazione in modo descrittivo alla pagina del prodotto, per consentire ai clienti di capire meglio i diversi prezzi offerti per il prodotto negli ultimi 30 giorni. Ad esempio "ottieni il 50% di sconto, pari a 75 EUR, invece del nostro prezzo di vendita normale di 150 EUR. Il prezzo promozionale più basso negli ultimi 30 giorni è stato di 100 EUR".

Se offri riduzioni di prezzo più di una volta ogni 30 giorni, evita di utilizzare solo la funzionalità Prezzo di confronto, perché questa non ti permette di mostrare sia il prezzo di vendita normale sia il prezzo più basso precedente. Valuta invece la possibilità di modificare il tuo tema includendo una dichiarazione che mostra sia il prezzo di vendita normale sia quello più basso precedente su ogni pagina del prodotto per cui offri uno sconto. Scopri di più sulla modifica del tema del tuo negozio.

Prezzi di vendita al dettaglio suggeriti dal produttore o prezzi dei concorrenti

Puoi confrontare il prezzo che offri con altri prezzi esterni, come il prezzo di vendita al dettaglio suggerito dal produttore o quello di un concorrente, senza dover applicare la direttiva sull'indicazione dei prezzi. Tuttavia, i paragoni con i prezzi esterni sono soggetti alla Direttiva 2005/29/CE, la direttiva sulle pratiche commerciali sleali che vieta di fuorviare i clienti in relazione al prezzo, al modo in cui questo viene calcolato o all'esistenza di un vantaggio specifico sul prezzo.

Se decidi di confrontare il prezzo che offri con un prezzo esterno, assicurati che il paragone sia mostrato in modo da non suggerire ai clienti che si tratta di una riduzione del prezzo. Se il confronto del prezzo viene percepito dal cliente medio come una riduzione di prezzo a causa della presentazione fuorviante, questo potrebbe violare sia la direttiva sulle pratiche commerciali sleali sia quella sull'indicazione dei prezzi.

Inoltre, se utilizzi la funzionalità Prezzo di confronto per indicare un prezzo esterno anziché una riduzione di prezzo, devi fare in modo che il confronto risulti chiaro ai clienti per evitare confusione.

Programmi fedeltà e offerte personalizzate

La direttiva sull'indicazione dei prezzi ha lo scopo di regolare gli annunci sulle riduzioni di prezzo e non si applica alle riduzioni di prezzo personalizzate offerte nell'ambito di un programma fedeltà per i clienti. Inoltre, la direttiva sull'indicazione dei prezzi non si applica nemmeno alle promozioni personalizzate o mirate, anche quando il cliente riceve uno degli elementi seguenti:

  • Un codice sconto personalizzato da utilizzare in futuro dopo aver completato un acquisto
  • Uno sconto personalizzato per il compleanno o altre occasioni
  • Una riduzione di prezzo personalizzata applicata al momento dell'acquisto senza essere stata annunciata in anticipo

Risorse

Online puoi trovare informazioni specifiche sulla direttiva sull'indicazione dei prezzi e sulla direttiva sulle pratiche commerciali sleali, come le risorse seguenti:

Sei pronto per iniziare a vendere con Shopify?

Provalo, è gratis